30/03/2015 Roccadaspide, Auricchio chiede sblocco lavori centro impiego - Città di Roccadaspide

Vai ai contenuti

Menu principale:

30/03/2015 Roccadaspide, Auricchio chiede sblocco lavori centro impiego

Notiziario

Articolo di
Annavelia Salerno

Il comune di Roccadaspide ha scritto una lettera al presidente della Provincia di Salerno per chiedere ancora una volta, come già fatto con diverse note recentemente, il completamento dei lavori per la costruzione dell’edificio destinato ad ospitare il Centro per l’impiego, che si trova in un area di proprietà del Comune in località Santa Rosa, disposti dalla provincia diversi anni fa.
Visto la situazione di stallo che ormai da troppo tempo contraddistingue la storia dell’edificio, il Comune retto da Girolamo Auricchio si rende disponibile a completare eventualmente l’opera a proprie spese e dietro cessione dell’immobile con comodato gratuito, anche per sgravare i comuni che fanno capo all’ufficio circoscrizionale della somma di 17.400 euro annui occorrenti per i fitti dell’immobile dove attualmente è ubicato il Centro per l’Impiego.
“Il blocco dei lavori ha determinato uno stato di totale abbandono dell’opera – commenta il sindaco Girolamo Auricchio – c’è il pericolo di deterioramento di quanto realizzato finora. Il comune  vuole evitare il rischio di realizzare una cattedrale nel deserto, pertanto siamo disposti a risolvere il problema a nostre spese”.

Il Comune ha recentemente chiesto un incontro con il Presidente della Provincia, Giuseppe Canfora e con i tecnici del progetto, per quantificare le somme necessarie per il completamento dell’intervento, alla luce del fatto che lo scorso 13 febbraio è stato già effettuato un sopralluogo congiunto da comune di Roccadaspide e dall’ingegnere Antonio Colucci con l'individuazione delle opere ancora da completare. Per ultimare i lavori, che sono già a buon punto se si considera che lo stabile esternamente è ultimato, sarebbero necessari 100.000 euro.

 
free counters
Cerca
Copyright 2016. All rights reserved.
Torna ai contenuti | Torna al menu